.
Annunci online

andreamerusi


Diario


19 febbraio 2015

Ecoreati e caos normativo in materia di rifiuti



Articolo di Andrea Merusi.
Pubblicato su "il Taccuino di Darwin" (www.iltaccuinodidarwin.com) - 17/02/2015

Mentre il disegno di legge che prevede l’introduzione dei reati ambientali nel codice penale torna in Senato e si indirizza verso il via libera definitivo, entrano in vigore le disposizioni introdotte dal “Decreto Competitività” (Decreto-Legge 91/2014, convertito dalla Legge 116/2014) relative alla classificazione dei rifiuti pericolosi. Disposizioni che destano non poche perplessità a causa di indicazioni imprecise e, soprattutto, perché fra poco più di 3 mesi saranno nuovamente riviste a seguito dell’entrata in vigore delle normative europee emanate poche settimane fa sullo stesso tema (Regolamento (UE) n. 1357/2014 e Decisione 2014/955/UE).

Gli addetti ai lavori attendono speranzosi che il Ministero dell’Ambiente chiarisca in tempi brevi come si sposeranno la normativa nazionale e quella europea e nel frattempo cercano di districarsi tra le complicate trame della normativa italiana in campo ambientale senza incappare nello spauracchio SISTRI (sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) che fino a qualche anno fa era dato per morto e adesso ritorna con grande insistenza. E proprio dal sito ufficiale del software spicca in home page una nuova, lampeggiante, icona “news”, che ci segnala che sono in corso modifiche al software, in particolare nell’Area Movimentazione rifiuti, che è quella fondamentale per il corretto funzionamento del sistema.

Tutta questa confusione normativa fa pensare che siamo ancora lontani dall’implementare un sistema efficace di riduzione e gestione dei rifiuti nel nostro Paese, ma gli ultimi dati pubblicati dall’ISPRA ci ricordano come sui rifiuti, in Italia, non si debba mai abbassare la guardia perché le problematiche sono sempre dietro l’angolo. La quantità di rifiuti speciali che sono prodotti in Italia è quattro volte quella dei rifiuti urbani – ha dichiarato Bernardo De Bernardinis, presidente dell’istituto – ed è in aumento la quota di quelli classificati “pericolosi”, talvolta provenienti da attività economiche “non individuate” o “non censite” nei parametri Istat.

Introdurre i reati ambientali nel codice penale è sicuramente un passo importante nel processo di contrasto all’inquinamento ambientale, per cui auspichiamo una chiara approvazione senza sorprese dell’ultimo minuto, ma la speranza è che sia solo l’inizio di un processo di miglioramento della gestione dei rifiuti speciali e urbani che deve innanzitutto ridurre la produzione di rifiuti alla fonte, semplificare la procedure operative e garantire adeguate sanzioni a chi commette illeciti ambientali.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ecoreati rifiuti sistri

permalink | inviato da Andrea Merusi il 19/2/2015 alle 22:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     gennaio        marzo
 
 




COSE VARIE

Indice ultime cose

RUBRICHE

diario
Mi presento
Ambiente
Politica
Articoli
Società
Appuntamenti
Scrivimi
Libri
Musica

LINK

il Taccuino di Darwin
ViaggiVerdi
Emergency
Amnesty Italia
Emiliafilosofica
La Voce Arancione. Blog di Matteo Cazzulani
Soft Revolution
Coconutisland. Blog di Caterina Bonetti
Kabaré Voltaire
InfoPo
Kairòs Studio
Terramacchina
Greenreport
La Nuova Ecologia
Legambiente
Impatto Zero Lifegate
Articoltura
Centro Ricerche "Mauro Baschirotto"
Nando dalla Chiesa
Libera
Stampo Antimafioso
Itineraria Compagnia Teatrale
Associazione Giovanile Icaro
PD Parma
Voci e Versi. Blog di Laura Rossi Martelli
Arte e Disegno. Sito di Fabio Cavatorta
Arte e Pittura. Blog di Alessia Ferrari
Alessandro Ingegno


CERCA


il Taccuino di Darwin


ViaggiVerdi


InfoPo


"Due Storie"
Per acquistare il libro clicca qui

Ispra
blog letto 312545 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
Qualora si ritenga che le informazioni contenute nei post siano errate o lesive nei confronti di terzi lo si comunichi all’autore del blog che rettificherà e modificherà laddove necessario.