.
Annunci online

andreamerusi


Diario


27 marzo 2014

"A spasso per il Quartiere Vigatto": come ricerca e politica possono (e devono) dialogare

Cari lettori, come anticipato su questi schermi, domenica scorsa si è tenuta la proiezione del documentario "A spasso per il Quartiere Vigatto" che mi ha visto nell'insolito ruolo di regista.

Dal punto di vista tecnico ammetto che ci sono ancora un po' di cose da migliorare però devo dire che il documentario è venuto bene e la proiezione è stata un successo.

A mio parere è stata un'iniziativa riuscita perché ha permesso di far dialogare Università e Politica, cioè giovani architetti universitari con alcuni consiglieri comunali del Pd. Dialogo che si è incentrato sull'analisi di alcuni problemi del quartiere di Parma chiamato Vigatto.

L'iniziativa ha permesso di presentare originali ed innovativi progetti per valorizzare un territorio molto bello ma un po' dimenticato. Un territorio erroneamente chiamato "periferico" dall'amministrazione e più correttamente definito "rurale" dai giovani architetti Fabio, Nicola e Francesca.

Infine credo che l'incontro di domenica, introdotto dal mio documentario, sia stato un ottimo esempio di buona politica svolta da un circolo, quello del Partito Democratico di Vigatto, che ha centrato il suo ruolo: essere un mezzo di unione tra i cittadini e gli amministratori. Complimenti quindi a Ilaria Corradi, segretaria di circolo, per l'utile iniziativa.

Qui di seguito riporto il bell'articolo di Chiara Pozzati uscito oggi sulla Gazzetta di Parma. A breve vi segnalo che il documentario verrà pubblicato su questi schermi.


22 ottobre 2013

Congresso Pd Parma: il mio sostegno a Caterina Bonetti e Giuseppe Bizzi



Questo è un messaggio politico rivolto ai "curiosi" del Pd, a quelli che come me avevano riposto grande speranza nella nascita di questo partito e ora sono curiosi di sapere che strada prenderà.

Mi ritrovo tra quei simpatizzanti e attivisti che negli ultimi mesi hanno fatto fatica a riconoscersi nelle scelte che ha fatto il Pd (una su tutte il pasticcio nell'elezione del Presidente della Repubblica e il caso Prodi). E se adesso sono qui che spero ancora nel cambiamento è grazie alla cosiddetta base, ai tanti militanti che nei mesi scorsi hanno simbolicamente occupato le sedi di partito in segno di protesta.

Nei prossimi giorni anche a Parma si voterà per il rinnovo dei dirigenti di partito e dei circoli. Candidata alla carica di Segretario Comunale c'è, tra gli altri, Caterina Bonetti, amica da tanti anni e coordinatrice dell'unico circolo di Parma che la scorsa estate ha occupato la sede in segno di protesta (#OccupyPd Pablo). Ho deciso di sostenere Caterina in questa nuova avventura e invito gli iscritti e chi ha intenzione di iscriversi per partecipare attivamente a questa fase congressuale, a votare per lei.

Alla carica di Segretario Provinciale tra i candidati c'è Giuseppe Bizzi, anche lui amico di vecchia data. Negli anni di attività politica ha dimostrato autonomia decisionale e coraggio. Per cui sono convinto che sia la persona adatta a ricoprire il ruolo di Segretario Provinciale. Come con Caterina invito iscritti e simpatizzanti a votare per Beppe.

Credo che con loro in campo anche il Pd di Parma possa intraprendere una nuova strada di rinnovamento, che porti a prendere decisioni coraggiose e soprattutto a non ripetere gli errori passati.

Segnalo inoltre che chi fosse residente nel Quartiere Vigatto può partecipare alle votazione SABATO 26 OTTOBRE dalle ore 10 alle 17. Ulteriori info su www.pdparma.it


21 ottobre 2012

Parma, venerdì 26 ottobre: proiezione film "18 IUS SOLI"

Segnalo con piacere una bella iniziativa organizzata dal Pd di Parma e in particolare dal consigliere comunale Alessandro Volta.

Venerdì 26 ottobre presso il centro Bizzozero di Parma, verrà proiettato il film documentario "18 IUS SOLI". Vi riporto una breve recensione del film: "18  storie di ragazze e ragazzi nati e cresciuti in Italia ma con origini: asiatiche, sudamericane, africane e residenti in aeree geografiche diverse dell'Italia. Sono ragazzi nati in Italia, figli di immigrati: studiano nel nostro Paese, parlano la nostra lingua e i nostri dialetti, molto probabilmente non sono nemmeno mai stati nel paese d'origine dei loro genitori né spesso ne parlano la lingua.
Eppure non sono riconosciuti cittadini italiani come tutti gli altri. Per ottenere la Cittadinanza italiana devono infatti sottoporsi al compimento del 18° anno di età ad un iter burocratico lungo e complesso, che non sempre termina con esiti positivi per il richiedente, con conseguenti e inevitabili gravi problemi di inserimento sociale e d'identità
".

Un film che affronta quindi un tema importante.

Mi fa piacere che nel Partito Democratico non si parli solo di primarie ma si rifletta e si cerchino soluzioni per risolvere anche problemi di questo tipo.


sfoglia     febbraio        aprile
 
 




COSE VARIE

Indice ultime cose

RUBRICHE

diario
Mi presento
Ambiente
Politica
Articoli
Società
Appuntamenti
Scrivimi
Libri
Musica

LINK

il Taccuino di Darwin
ViaggiVerdi
Emergency
Amnesty Italia
Emiliafilosofica
La Voce Arancione. Blog di Matteo Cazzulani
Soft Revolution
Coconutisland. Blog di Caterina Bonetti
Kabaré Voltaire
InfoPo
Kairòs Studio
Terramacchina
Greenreport
La Nuova Ecologia
Legambiente
Impatto Zero Lifegate
Articoltura
Centro Ricerche "Mauro Baschirotto"
Nando dalla Chiesa
Libera
Stampo Antimafioso
Itineraria Compagnia Teatrale
Associazione Giovanile Icaro
PD Parma
Voci e Versi. Blog di Laura Rossi Martelli
Arte e Disegno. Sito di Fabio Cavatorta
Arte e Pittura. Blog di Alessia Ferrari
Alessandro Ingegno


CERCA


il Taccuino di Darwin


ViaggiVerdi


InfoPo


"Due Storie"
Per acquistare il libro clicca qui

Ispra
blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
Qualora si ritenga che le informazioni contenute nei post siano errate o lesive nei confronti di terzi lo si comunichi all’autore del blog che rettificherà e modificherà laddove necessario.